NINA DEVI TORNARE AL VISO

Storia di Alessandra Boarelli la prima sul Monviso

Ma chi era davvero la giovane pioniera del Viso? Tra storia e narrazione romanzata, questo libro getta un po’ di luce sulla vita, sulla personalità della protagonista e sull’ambiente culturale in cui la donna maturò la decisione di salire sul Re di pietra.

15,90 €

Estate 1863. Una settimana prima che la comitiva guidata da Quintino Sella giunga in cima al Monviso, un gruppo di alpinisti anticipa il tentativo italiano alla vetta. Con loro c’è anche una venticinquenne di Verzuolo. Si chiama Alessandra Re Boarelli.

Il maltempo e l’indecisione della guida arresteranno il tentativo. Ma se la salita fosse andata per il verso giusto, una donna avrebbe preceduto sulla vetta i fondatori del Club Alpino. E probabilmente la storia dell’alpinismo italiano organizzato avrebbe avuto un inizio diverso da quello che tutti conosciamo.
Ad Alessandra, donna colta e libera, il Monviso è comunque entrato nel sangue. E il 16 agosto 1864, un anno dopo il precedente tentativo, riesce a calcare la vetta della montagna.
Ma chi era davvero la giovane pioniera del Viso? Tra storia e narrazione romanzata, questo libro getta un po’ di luce sulla vita, sulla personalità della protagonista e sull’ambiente culturale in cui la donna maturò la decisione di salire sul Re di pietra.

Linda Cottino

Scheda tecnica

Pagine
168 con foto bn
Formato
14x21
ISBN
9788885802391
Autore
Linda Cottino
Edizione
Ottobre 2019

Cottino Linda

Dopo gli esordi nel giornalismo sociale, ha coniugato il mestiere di scrivere con la passione per la montagna alla rivista ALP, che ha diretto dal 2002 al 2009, dov’è sbocciato anche il suo interesse per la storia dell’alpinismo femminile. Sempre inseguendo la montagna, ha partecipato a un progetto di web tv italo-francese e ha collaborato con In Movimento, il magazine dedicato all’outdoor del quotidiano il Manifesto. 


Dal 2012 cura la rubrica di recensione dei libri sulla rivista mensile del Cai Montagne 360, fa parte della giuria del Premio Itas e scrive come free-lance. Negli anni ha coltivato variegate esperienze in campo editoriale; attualmente coordina la collana di guide turistiche Marco Polo pubblicate dalla casa editrice Edt, con la quale collabora anche per le guide Lonely Planet. È presidente dell’Associazione Valsusa Filmfest, che in Valle Susa organizza un festival sui temi dell’ambiente, della montagna e della memoria storica. 


Nel suo precedente libro, Qui Elja, mi sentite?, ha ricostruito le vicende di una spedizione di alpiniste sovietiche al Pik Lenin nel 1974. È stato tradotto in Francia da Les Editions du Mont Blanc di Catherine Destivelle. 


 

9 altri prodotti della stessa categoria: