MATTEO OLIVERO - I PASAGGI DELL’ANIMA - LES PAYSAGES DE L’ÂME

MATTEO OLIVERO  - I PASAGGI DELL’ANIMA  - LES PAYSAGES DE L’ÂME

MATTEO OLIVERO - I PASAGGI DELL’ANIMA - LES PAYSAGES DE L’ÂME

PERCORSI OLIVERIANI IN VALLE PO - Parcours olivériens en Vallée Po

Il volume realizzato in italiano con la traduzione in francese è un focus  sul pittore Matteo Olivero (Acceglio 1879-Saluzzo 1932) che svolse la propria attività a Parigi, Torino, Genova, Cuneo e Saluzzo  – sua città d’adozione e sede della Pinacoteca a lui intitolata –,  con una predilezione per le valli del Monviso.  

ANTONIO MUSIARI

-3%

16,50€

In promozione In promozione!

16,01€

Aggiungi al carrello

Maggiori informazioni

Autore        ANTONIO MUSIARI
Pagine        128
Formato     14x20
ISBN           979-12-80749-21-5
1a Edizione agosto 2022 Italiano - francese

Matteo Olivero (Acceglio 1879-Saluzzo 1932) svolse la propria attività a Parigi, Torino, Genova, Cuneo e Saluzzo  – sua città d’adozione e sede della Pinacoteca a lui intitolata –,  con una predilezione per le valli del Monviso. 

Lungo gli anni e per gradi, il pittore stratificò lo sguardo  sulla natura indagando la suggestione degli spazi. 

Tra i luoghi dell’anima spicca Paesana, con i soggiorni nei primi anni Venti sotto la protezione dell’industriale cartario Luigi Burgo. Gli autoritratti e il capolavoro L’Attesa, che raffigura la madre Lucia presso la parrocchiale delle Calcinere, si integrano nella cornice delle acque trascorrenti nel silenzio, abitato da mille sfumature di verde. 

Effetti di luce e di neve nella solitudine alpestre documentano a qual punto il Divisionismo, la tecnica di Giovanni Segantini e di Giuseppe Pellizza da Volpedo, sia stata interiorizzato da Olivero quale cifra di un percorso visivo.

30 altri prodotti in questa categoria:

Commenti

Scrivi il tuo commento

MATTEO OLIVERO - I PASAGGI DELL’ANIMA - LES PAYSAGES DE L’ÂME

MATTEO OLIVERO  - I PASAGGI DELL’ANIMA  - LES PAYSAGES DE L’ÂME

Il volume realizzato in italiano con la traduzione in francese è un focus  sul pittore Matteo Olivero (Acceglio 1879-Saluzzo 1932) che svolse la propria attività a Parigi, Torino, Genova, Cuneo e Saluzzo  – sua città d’adozione e sede della Pinacoteca a lui intitolata –,  con una predilezione per le valli del Monviso.  

Scrivi il tuo commento