LA FABBRICA DEL VOLO

LA FABBRICA DEL VOLO

LA FABBRICA DEL VOLO

Industria, aviatori e memoria della Grande Guerra in Liguria

A un secolo di distanza, la cultura e la tradizione aeronautiche nate nel corso di quel catastrofico e memorabile conflitto hanno lasciato sul territorio regionale un cospicuo, ma finora poco noto, patrimonio archivistico e museale che gli interventi raccolti nel volume hanno contribuito a riportare alla luce.

F. Caffarena e Carlo Stiaccini

15,90€

Aggiungi al carrello

Maggiori informazioni

Collana    FINISTERRE (direzione scientifica: Graziano Mamone e Paolo Veziano)
Autore      Fabio Caffarena e Carlo Stiaccini.
                Con i contributi di  Gregory Alegi, Massimiliano Barlattani, Basilio Di Martino,  Gianfranco Francescon,
                Antonio Gibelli,  Eric Lehmann,  Augusta Molinari, Susanna Ognibene, Paolo Varriale 
Pagine     240 con immagini storiche bn
Formato   13,5x21
ISBN         978-88-85802-15-5
Prima edizione: Novembre 2018

Nel Primo conflitto mondiale, repentini processi di militarizzazione territoriale portarono la Liguria ad assumere un ruolo strategico in campo aeronautico, grazie alla presenza di attività industriali (Ansaldo, Piaggio, Cives), presidi militari e basi aeree distribuite lungo tutta la costa e nell’entroterra. Gli investimenti nella produzione di moderni e affascinanti velivoli militari – tra cui il famoso Ansaldo SVA protagonista con Gabriele D’Annunzio del volo su Vienna nell’agosto del 1918 – furono destinati a segnare in modo profondo e duraturo lo sviluppo industriale post-bellico; mentre l’impatto evocativo della guerra aerea impresse a lungo nella memoria collettiva i nomi e le azioni di numerosi aviatori liguri presenti nei cieli di guerra, contribuendo ad alimentare la costruzione del mito aviatorio italiano.

30 altri prodotti in questa categoria:

Commenti

Scrivi il tuo commento

LA FABBRICA DEL VOLO

LA FABBRICA DEL VOLO

A un secolo di distanza, la cultura e la tradizione aeronautiche nate nel corso di quel catastrofico e memorabile conflitto hanno lasciato sul territorio regionale un cospicuo, ma finora poco noto, patrimonio archivistico e museale che gli interventi raccolti nel volume hanno contribuito a riportare alla luce.

Scrivi il tuo commento