GRIDATELO DAI TETTI

GRIDATELO DAI TETTI

GRIDATELO DAI TETTI

Autobiografia e lettere di Bartolomeo Vanzetti TERZA EDIZIONE

Charlestown, 23 agosto 1927: Sacco e Vanzetti muoiono innocenti sulla sedia elettrica. Una vicenda che questo libro, giunto alla terza edizione.. ripercorre attraverso documenti originali, come l’autobiografia scritta in carcere da Vanzetti e la sua corrispondenza con la famiglia rimasata a Villafalletto nel Cuneese, ad accudire un piccolo podere.

Alberto Gedda

16,90€

Aggiungi al carrello

Maggiori informazioni

Autore       Alberto Gedda
presentazione GIULIANO MONTALDO e  DAVIDE LAJOLO con postfazione di SERGIO SOAVE
Pagine      
184 con immagini in bianco e nero
Formato   
13x21
ISBN  9788898657872
TERZA EDIZIONE MAGGIO 2017

«Non tenete celato il mio arresto. Non tacete ma gridate dai tetti, a tutti, del delitto che si trama a mio danno. No, non tacete, che il silenzio sarebbe vergogna».
Così il primo ottobre del 1920 scrive Bartolomeo Vanzetti al padre Giovanni Battista per annunciargli d’essere detenuto in carcere, a Charlestown, accusato di rapina e omicidio insieme a Nicola Sacco. Nick & Bart. I due, italiani e anarchici, saranno uccisi sulla sedia elettrica il 23 agosto del 1927. Innocenti, come riconoscerà mezzo secolo dopo il governatore del Massachusetts Michael S. Dukakis che ha cancellato ogni sospetto di colpa.
Una storia universale e sempre attuale perché l’ingiustizia, il razzismo, l’intolleranza sono sempre fra noi. Per questo occorre gridare forte dai tetti del nostro quotidiano.

 

30 altri prodotti in questa categoria:

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

Commenti

Scrivi il tuo commento

GRIDATELO DAI TETTI

GRIDATELO DAI TETTI

Charlestown, 23 agosto 1927: Sacco e Vanzetti muoiono innocenti sulla sedia elettrica. Una vicenda che questo libro, giunto alla terza edizione.. ripercorre attraverso documenti originali, come l’autobiografia scritta in carcere da Vanzetti e la sua corrispondenza con la famiglia rimasata a Villafalletto nel Cuneese, ad accudire un piccolo podere.

Scrivi il tuo commento