GUERRA ALLA GRANDE GUERRA

GUERRA ALLA GRANDE GUERRA

GUERRA ALLA GRANDE GUERRA

La galassia dissidente tra Basso Piemonte, Liguria di Ponente e Provenza 1914-1918

 

Il movimento di opposizione alla Grande Guerra è un lungo filo rosso che ha radici nel sovversivismo di fine secolo e nella campagna di Libia, si forma con il dibattito tra neutralisti e interventisti prima dell’entrata in guerra, e sboccia nelle rivolte sociali per il ritorno alla pace tra 1916 e 1917

GRAZIANO MAMONE

15,90€

Aggiungi al carrello

Maggiori informazioni

Autore         Graziano Mamone
Pagine         
280
Formato      
14x20
Collana        FInisterre
ISBN           9788898657704
Prima edizione maggio 2016 

Il movimento di opposizione alla Grande Guerra è un lungo filo rosso che ha radici nel sovversivismo di fine secolo e nella campagna di Libia, si forma con il dibattito tra neutralisti e interventisti prima dell’entrata in guerra, e sboccia nelle rivolte sociali per il ritorno alla pace tra 1916 e 1917. Per la prima volta Graziano Mamone segue questa linea considerandola in ottica di continuità, e lo fa attraverso il Casellario politico centrale e le carte di Pubblica Sicurezza, che per decenni hanno registrato, seguito e analizzato i profili di rivoluzionari reali o presunti.

 

L’area di riferimento abbraccia Basso Piemonte, Liguria di Ponente e Provenza: una regione non circoscritta da confini amministrativi, e diversa per caratteristiche ambientali, socio-produttive e culturali, ma segnata da ricchi scambi e relazioni transfrontaliere.

 

30 altri prodotti in questa categoria:

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

Commenti

Scrivi il tuo commento

GUERRA ALLA GRANDE GUERRA

GUERRA ALLA GRANDE GUERRA

 

Il movimento di opposizione alla Grande Guerra è un lungo filo rosso che ha radici nel sovversivismo di fine secolo e nella campagna di Libia, si forma con il dibattito tra neutralisti e interventisti prima dell’entrata in guerra, e sboccia nelle rivolte sociali per il ritorno alla pace tra 1916 e 1917

Scrivi il tuo commento