VILLE E FAMIGLIE A TORRE PELLICE

VILLE E FAMIGLIE A TORRE PELLICE

VILLE E FAMIGLIE A TORRE PELLICE

Viale Dante e la Ravadera dall'800 agli anni Trenta del '900

Storie individuali e collettive del mondo valdese,  ricostruite secondo una prospettiva nuova:  paesaggio e architettura colti nel significativo transito  dall’Ottocento ai primi decenni del Novecento.

Maria Rosa Fabbrini

17,90€

Aggiungi al carrello

Maggiori informazioni

Autore      Maria Rosa Fabbrini
Pagine     176
Formato   15x23,8
Ambito     territorio
ISBN       978-88-98657-85-8
Data pubblicazione: maggio 2017

 Torre Pellice, Valli valdesi. Terra della più antica minoranza protestante presente sul territorio italiano. La storia secolare del suo popolo – una storia di fede e di lotte, di persecuzioni, di prigionia ed esilio – affiora con i suoi tratti di fedeltà e amore per un paesaggio dell’anima e di bellezze anche in queste pagine che si aprono a uno sguar­do nuovo.
Uno sguardo circoscritto a una precisa zona di Torre Pellice, quella che comprende il viale Dante e la collina della Ravadera, assi rettori del cambiamento abitativo e stilistico sviluppatosi da inizio Ottocento agli anni Trenta del Novecento, periodo in cui si delinea con chiarezza il passaggio dalla borghesia composta in prevalenza da pastori e in­tel­lettuali, a quel­la novecentesca, soprattutto industriale.
Le parole attorno alle quali ruota il senso del libro descrivono una realtà che comprende mille sfumature, seguono il passo delle trasformazioni sociali, urbanistiche, culturali, narrando l’evoluzione dei nuclei familiari e le loro vicende.
L’intento è dunque quello di porre attenzione a due soggetti: le ville e le famiglie che, costruendole o acquistandole e poi abitandole, hanno messo il tempo della vita dentro quello della Storia.
Un recupero di memoria, una narrazione con parole e immagini. Un racconto di racconti.



19 altri prodotti in questa categoria:

Commenti

Scrivi il tuo commento

VILLE E FAMIGLIE A TORRE PELLICE

VILLE E FAMIGLIE A TORRE PELLICE

Storie individuali e collettive del mondo valdese,  ricostruite secondo una prospettiva nuova:  paesaggio e architettura colti nel significativo transito  dall’Ottocento ai primi decenni del Novecento.

Scrivi il tuo commento